venerdì 21 aprile 2017

PROGETTAZIONE PARAMETRICA BIM CON REVIT DI AUTODESK®

CORSO COMPLETO - LIVELLO BIM 1

Presentazione.
Autodesk® Revit Architecture è ad oggi uno dei più potenti software per la progettazione architettonica parametrica. Se approcciato nel modo corretto, consente la creazione di progetti dettagliati e ricchi di informazioni sia grafiche che testuali; il tutto in tempi più brevi rispetto al classico sistema CAD 2D.

Operativi fin dalle prime lezioni.

Insegnato correttamente, Revit Architecture possiede una delle migliori curve di apprendimento in assoluto, permettendo all'utente di imparare velocemente un sistema di progettazione che da grandissimi risultati. Il corso è stato pensato per tutti coloro che si avvicinano per la prima volta a questo software e che vogliono imparare ad utilizzarlo per produrre tavole tecniche complete.

Programma del corso.

Tenendo conto che la maggior parte degli utenti arriva da AutoCAD, il corso inizierà dalla presentazione dell’interfaccia grafica e gli strumenti di gestione del disegno più importanti; ampia descrizione del concetto di BIM (Building Information Model) e del data-base che rappresenta il cuore di Revit e che consente la gestione centralizzata del progetto, dei suoi dati grafici e di quelli analitici.

Argomenti trattati.
Introduzione: filosofia della progettazione BIM in REVIT e primo avvio del software.
Comprendere Revit: organizzazione e gestione database, comprensione di categorie, famiglie, tipi ed istanze.
Interfaccia grafica: menù, barra multifunzione, strumenti di accesso rapido, pannelli proprietà e browser di progetto, opzioni.
Operazioni di base: creazione del file di modello, gestione dei files e salvataggi avanzati, unità di misura, strumenti di disegno, di selezione e modifica degli oggetti.
Gestione grafica degli elementi: materiali, tipi linea, modelli di linea, spessori, retini di disegno e di modello, creazione di retini da file *.pat (AutoCAD), orientamento retini di modello, griglie, piani di riferimento.
Ambiente di lavoro: utilizzo dei livelli, inserimento DWG come sotto-lucido, griglie, personalizzazione dei livelli.
Elementi architettonici: muri, muri sovrapposti, pavimenti e pavimenti inclinati, tetti, travi e sistemi di travi, inserimento porte e finestre, scale da componente, ringhiere, controsoffitti, tetti per estrusione, facciate continue.
Locali: creazione, delimitazione, calcolo area e volume, schemi colore, pianta delle aree.
Abachi e computi: creazione di un abaco, parametri, uso dei valori calcolati, ordinamento dei dati.
Terreno e superficie topografica: creazione e modifica punti topografici, superficie topografica da file DWG e CSV, sistemi di coordinate, posizione nord reale e di progetto, geo localizzazione, illuminazione ambientale.
Quotatura: creazione stili di quota, quotatura veloce, personalizzazione quote.
Etichette: etichette per categoria, materiale, assegnazione e personalizzazione.
Gestione delle viste: piante, sezioni, prospetti, assonometrie, viste prospettiche, ecc.
Fasi di lavoro: comprensione, creazione e gestione delle fasi temporali, demolizioni e rifacimenti (rossi e gialli).
Dettagli annotativi: linee di dettaglio, regioni, mascherature, isolamento, dettagli costruttivi da DWG.
Note: Note chiave, inserimento, comandi.
Modelli di vista: modelli e filtri per la visualizzazione degli oggetti.
Viste prospettiche: Definizione inquadrature e gestione.
Messa in tavola e stampa: cartiglio, formati UNI, modelli di vista, visibilità degli oggetti.
Esportazione: verso AutoCAD e DWG, formato di interscambio IFC.
Plugin: Autodesk App Store, inserimento plug-in.

Che cosa si impara in questo corso?
I partecipanti acquisiranno le competenze base ma complete, la filosofia progettuale la struttura di Revit Architecture ed i comandi necessari per sviluppare un progetto architettonico, a gestire e rappresentare il modello, documentarlo e rappresentarlo nelle tavole di stampa.
BIM di livello 1 - livello di definizione LOD A-B

mercoledì 15 marzo 2017

Modificare il dato numerico di una quota in Revit.

In aula e nella professione mi capita di interagire con persone provenienti da altri software; per scelta delle software house questi strumenti NON sono tutti uguali e alle volte la soluzione seppure semplice non é immediata.
Oggi vediamo come m
odificare il dato numerico di una quota. 

Posto che, se avete l'esigenza di modificare una quota potrebbe anche significare che il problema risiede in come disegnate, un sistema in Revit c'è. Seppure ufficialmente non possibile, lo stratagemma c'è.
Diciamo che devo modificare la quota "1.59" per farla diventare 1.60".


Con un doppio click accedo alle informazioni della quota, con "Sostituisci con testo" inserisco "1.60".
Non funzionerà perché, come dice la scritta, la stringa deve iniziare con un testo.

Lo stratagemma sta nell'inserire un carattere invisibile Unicode qualsiasi, il primo della lista va bene.
Questo "imbroglierà" Revit, consentendoci di inserire dopo il carattere, un valore numerico, "1.60" in questo caso. Il carattere Unicode rimarrà invisibile.

Cliccando su "Applica" ed infine "Ok", la modifica sarà valida.

martedì 5 luglio 2016

TRIP-FX web-serie

Trip-FX mi dedica una delle sue interviste. In questo "episodio" si parlerà di rendering in GPU con NVIDIA Iray e di sistemi di progettazione BIM con AUTODESK Revit.

dellaschiava iray revit
Trip-FX 1x014 Intervista a Ferruccio Della Schiava - 3D Artist - Iray e Revit Specialist


Trip-FX è una web-series, edita da Matteo -MatEvil- Migliorini, che nasce con lo scopo di portarci in giro per il mondo dei Visual FX (e non solo) proponendo interviste, reportage, opinioni o semplici approfondimenti sul mondo della Computer Grafica.

Il video dell'intervista, insieme alle altre pubblicate da Trip-FX, lo potete trovare QUI

sabato 11 giugno 2016

AULA + STAGE: CORSO PER DISOCCUPATI SENZA AMMORTIZZATORE SOCIALE

TECNICHE DI PROGETTAZIONE ARCHITETTONICA BIM ORIENTED

Aula + stage + indennità di frequenza

Requisiti obbligatori:
Il corso è riservato a:
- maggiorenni
- residenti o domiciliati sul territorio regionale che si trovano in stato di disoccupazione ed hanno usufruito in passato di un ammortizzatore sociale e lo hanno perduto, come previsto dal decreto 578/LAVFOR.FP del 30 marzo 2015.

Requisiti preferenziali:
In fase di Selezione verranno prese in considerazioni anche esperienze o competenze relative al profilo.
Nello specifico verranno tenuti conto per i prerequisiti Professionali/Formativi:
- laurea in architettura o in ingegneria edile
- maturità di geometra o di perito edile
- esperienza di progettazione nel settore edile
- frequenza (anche senza aver completato) percorsi formativi coerenti col profilo professionale
- conoscenza di software CAD
- conoscenze e competenze linguistiche pari al livello A2 del Quadro di riferimento europeo per la lingua inglese



Verranno valutate positivamente anche le competenze e abilità attitudinali per quanto riguarda:
- affidabilità e disponibilità
- capacità di analizzare e di risolvere i problemi
- capacità organizzativa, di pianificazione dei tempi e delle risorse disponibili
- motivazione, interesse e predisposizione al ruolo
- rigore e precisione
- senso dell'organizzazione
- spirito logico e metodico

Partecipo all'iniziativa come Istruttore per i corsi relativi ai software AUTODESK, ovvero 3ds MAX, per la realizzazione del render del progetto, e AutoCAD per la rappresentazione del progetto in 2D.

Qui il LINK DIRETTO

giovedì 2 giugno 2016

IAL PORDENONE - PROGETTAZIONE EDILE E RAPPRESENTAZIONE GRAFICA



Da alcune settimane mi trovo presso lo IALFVG di Pordenone, per tenere delle lezioni sulla progettazione parametrica BIM mediante il software AUTODESK Revit. Il corso gratuito, denominato: "PROGETTAZIONE EDILE E RAPPRESENTAZIONE GRAFICA" ricade nel Piano Integrato di Politiche per l'Occupazione e per il Lavoro (PIPOL). E' gratuito, per disoccupati residenti in Friuli Venezia Giulia e ha la finalità di fornire i più moderni strumenti per la realizzazione di un edificio tridimensionale completo e fotorealistico con i software AUTODESK Revit , AUTODESK 3ds Max, ADOBE Photoshop e un modulo dedicato alla stampa 3D.
Il corso è rivolto a disoccupati residenti in Friuli Venezia Giulia iscritti a PIPOL.

Per la parte che mi compete presenterò il concetto di BIM (Building Information Model) con AUTODESK Revit. Il sistema consente, con l'uso di oggetti parametrici, di avere una gestione centralizzata del progetto, dei suoi dati grafici (i modelli 3D, le tavole tecniche) e di quelli analitici (computi, documentazione, ecc.). Una volta compresa l'interfaccia grafica e gli strumenti di gestione del disegno più importanti (Muri, Porte, Finestre, Scale, Tetti, Solai, Ringhiere, Facciate continue) ci si addentrerà nell'impostazione del progetto, dei livelli e delle viste. Creato il modello 3D si imparerà ad estrapolarne la documentazione: piante quotate, prospetti, sezioni, viste 3D e spaccati, creando infine le tavole tecniche complete di squadrature e cartigli. Verranno implementati dei semplici render di presentazione alle tavole tecniche sfruttando il modulo di render di AUTODESK Revit.

I moduli previsti di 
3D STUDIO MAX, PHOTOSHOP e di STAMPA 3D, completeranno il percorso formativo.

domenica 29 maggio 2016

COLLABORAZIONE BIM/REVIT (ANNUNCIO)

Per crescita professionale cerco uno studio o una azienda di Udine o immediata periferia, che preveda l'adozione del Building Information Modelling con Revit di AUTODESK.
Offro: ingresso accelerato al BIM tramite le competenze già acquisite per esperienza diretta o come istruttore.
Cerco: libertà di movimento e possibilità di studio ed aggiornamento, part-time.

Sono interessato soprattutto ad ampliare le conoscenze sui seguenti argomenti:
modellazione avanzata concettuale; modellazione parametrica a nodi con Dynamo, personalizzazione f
amiglie,  documentazione avanzata (computi); visualizzazione tramite render; simulazioni energetiche.

mail: info@dellaschiava.it tel: 392.3436495.

L’Europa si è già mossa da tempo e punta a far diventare il BIM un processo standard per tutti gli edifici e per i contratti pubblici di tutta l’Europa, come da direttiva 2014/24/EU. L’adozione della direttiva prevede che i 28 stati membri incoraggino l’utilizzo del BIM nei rispettivi paesi per i progetti finanziati con fondi pubblici nell’Unione Europea a partire dal 2016. Ricordo inoltre che, il Ministro delle Infrastrutture Delrio ha recentemente dichiarato che, dopo un periodo sperimentale di 12/14 mesi il Building Information Modeling (BIM) diventerà obbligatorio per le opere pubbliche e negli appalti di importo superiore alla soglia comunitaria (5.225.000 euro per i lavori, 135.000 euro per i servizi e i concorsi di progettazione aggiudicati dalle amministrazioni governative, 209.000 euro per i servizi e i concorsi di progettazione aggiudicati dalle altre amministrazioni).


giovedì 21 aprile 2016

ALA Assoarchitetti - Tecniche Nuove - ATC AM4, la formazione oltre l’obbligo.

"Da quando, nel 2014, anche il mondo delle professioni tecniche ha visto l’introduzione dei Crediti Professionali Formativi (CFP), l’imposizione normativa ha generato una rincorsa generalizzata al credito, spesso indifferente al contenuto tematico alla base dello stesso. Ma obbligo non significa necessariamente apprendimento sterile: è invece da una profonda riflessione su come questa evoluzione normativa rappresenti un’opportunità di crescita senza precedenti nella storia delle professioni tecniche in Italia, che nasce oggi la collaborazione tra ALA Assoarchitetti, Tecniche Nuove ed Accademia Tecniche Nuove." da APPLICANDO rivista dedicata al mondo Apple di Tecniche Nuove. LINK

In questo contesto mi inserisco quale Istruttore Accreditato AUTODESK presso l'ATC AM4 di Lecco. AM4 da anni collabora con Tecniche Nuove la quale, insieme ad ALA Assoarchitetti, danno vita a un percorso formativo che, nelle intenzioni di tutti, vuole diventare in breve tempo un punto di riferimento riconosciuto per la varietà e l’autorevolezza dei contenuti proposti.

I corsi sono dedicati a tutti ma in particolare agli Architetti iscritti all'Ordine, i quali in questo modo hanno la possibilità di potersi creare un proprio percorso di crescita professionale che, assolvendo a un obbligo imposto dal Legislatore, nel contempo apre nel medio periodo concrete possibilità di specializzazione e di accesso a nuove fasce di mercato, grazie alla  grande varietà di tematiche che la formazione obbligatoria propone. Un valore aggiunto per i clienti del mondo professionale quindi, ma non solo: una grande opportunità di arricchimento e di apertura al confronto per i professionisti stessi.

In questa ottica nasce l’accordo per una nuova via autorevole e certificata verso un’offerta formativa di elevato livello, che si concretizzerà in corsi a distanza (FAD), residenziali (RES) e misti (parte a distanza e parte residenziali).

La prima offerta formativa per il 2016 vede, tra gli altri, la pubblicazione di tre videocorsi in categoria FAD (formazione a distanza) da me realizzati ed in fase di accreditamento presso il CNAPPC, per l’ottenimento di crediti formativi professionali (CFP).

3DS Max Architettura  (Richiesti 9 CFP)
3DS Max Design Interni  (Richiesti 8 CFP)
3DS Max Lighting Design (Richiesti 8 CFP)

giovedì 24 marzo 2016

AutoCAD, rilasciata la release 2017. Cosa c'è di nuovo?


Non ci si aspettano mai grosse novità e modifiche dalle nuove versioni di AutoCAD, è vero. Però è ugualmente vero che, anno dopo anno, piano piano AutoCAD cambia, si modifica, si aggiorna, diventando sempre più efficiente, sempre più semplice e connesso...in sordina, innovativo.

AutoCAD 2017 anche nella sua versione LT, esce oggi. Come ogni anno fa da spartitraffico per l'usita delle nuove release di casa AUTODESK. Personalmente attendo anche Revit 2017 e 3ds MAX 2017, che arriveranno da qui ad aprile 2016 e dai quali mi aspetto grandi cose.
La cosa che cambia sostanzialmente il nostro rapporto con AutoCAD sono i nuovi sistemi di licenze, ormai sono dei noleggi. Per utilizzare AutoCAD 2017 per un mese, tre, sei o un anno; anche per licenze multiple. Ma non solo, questa tipologia di licenza a termine comprende il supporto avanzato.
Il formato DWG 2017 non è cambiato quindi, l'ultima versione è la 2013, quindi è condivisibile con chi ha le versioni precedenti fino alla 2013, senza effettuare salvataggi retro-compatibili.
E' cambiata la metodologia di importazione dei PDF. Non più e non solo come riferimenti esterni ma con un sistema di importazione proprio, che permette di controllare perfettamente l’operazione.

Altre funzioni le aggiugerò nei prossimi giorni, intanto:
QUI per conoscere i requisiti di sistema per AutoCAD 2017
QUI per scaricare la versione di prova per 30 giorni di AutoCAD 2017

giovedì 25 febbraio 2016

Una parte di ciò che faccio per vivere è insegnare. Cosa insegno? Insegno a voi ad utilizzare i software che uso per lavoro. Utilizzarli professionalmente però non basta a definirmi un docente e soprattutto per voi non è una garanzia. Per farlo nel migliore dei modi e per darvi il servizio che meritate, oltre al lavoro di ogni giorno e oltre allo studio continuo, ci sono dei traguardi da raggiungere. Uno di questi è stato ottenere le Certificazioni rilasciate da AUTODESK® come Professionista per AutoCAD, Revit e 3ds MAX. Siccome non si finisce mai di progredire e crescere, con estrema soddisfazione comunico che ora sono anche Istruttore Accreditato presso quello che considero uno dei più apprezzati e conosciuti Autodesk Training Center italiani, ovvero l'AM4 di Lecco. Colgo l'occasione per ringraziare Emiliano Segatto, titolare di AM4, che ha creduto nel mio percorso professionale e mi ha accolto nel suo preparatissimo staff.

lunedì 11 gennaio 2016

...il traghettatore BIM

Il BIM è alle porte.
Sempre più spesso sentiamo parlare della progettazione parametrica BIM e della necessità della sua acquisizione in luogo del, per alcuni già obsoleto, CAD. Come fu negli anni '90 per il passaggio dal tecnigrafo, anche ora come allora, è necessario attrezzarsi al fine di non farsi trovare impreparati. Anche perchè i tempi di evoluzione informatici sono molto più veloci.
Chi tenta di farlo frequentando corsi e chi leggendo manuali ma chi non ha proprio tempo per farlo, come può essere agevolato?

Se vi riconoscete in questa situazione è a voi che sto parlando;  non di corsi veri e propri ma di collaborazione, assistenza e semplificazione. Inserite nella vostra lista delle priorità per il futuro l'affiancamento al vostro studio di un esperto di BIM e di CAD. Una figura che abbia già le competenze e gli strumenti necessari ad accompagnarvi in questo complicato e potenzialmente pericoloso percorso, verso il cambiamento, verso il futuro della progettazione. Soprattutto nell'ottica delle collaborazioni estere, dove il BIM viene ormai regolarmente utilizzato, come lingua universalmente riconosciuta.

Professionista certificato AUTODESK per Revit, AutoCAD e 3ds MAX, io sono disponibile, sono qui ed in più è il mio mestiere. Contattatemi, anche solo per informazioni. 392.3436495

mercoledì 9 dicembre 2015

NVIDIA IRAY+ render engine

Esaurito il periodo di beta testing, NVIDIA rilascia il pregevole renderer plugin Iray+ per 3ds MAX 2016. L'official release si trova QUI, dove potete anche scaricare la versione di prova di ben 90 giorni.


Cosa fa di Iray/Iray+ un sistema innovativo e rivoluzionario?
Semplice da integrare e potente, offre una grafica ineguagliabile e interattività. Nei settori e applicazioni che vanno dal CAD al BIM, per tutti gli aspetti della produzione e del design, i materiali e le funzionalità del mondo reale interattive di Iray, consentono di creare immagini foto-realistiche che rappresentano veramente i prodotti. Iray offre una scalabilità lineare infinita quando collabora con servizi hardware o il cloud coputing di NVIDIA; facilitando la già facile transizione tra interattivo in tempo reale e modalità di rendering. Questa applicazione lo distingue dalla concorrenza.
Per coloro poi che desiderano una rappresentazione dei materiali pari al mondo reale, l'implementazione dell'intuitivo e flessibile "C ++" unitamente alle "Windows API" fanno di NVIDIA Iray l'unica opzione attualmente in commercio.

Lavorare nello spazio interattivo con un'anteprima a modalità foto-realistica. Per raggiungere il livello di interattività e di rappresentazione foto-realistica richiesto, le impostazioni dei parametri personalizzati di Iray consentono agli utenti di passare facilmente tra le modalità di rendering disponibili. Modalità interattiva, Anteprima e Photoreal possono essere personalizzate utilizzando parametri facilmente modificabili.

Utilizzare materiali a base fisicamente corretta. Tutti i materiali all'interno di Iray sono fisicamente accurati e forniscono una rappresentazione fedele dell'aspetto visivo nel mondo reale. La natura intuitiva nella creazione del materiale è data dalla struttura gerarchica simile al mondo reale; coniugando texture, colori, e rugosità si ottiene il look perfetto. Il linguaggio MDL di Iray, inoltre, definisce le proprietà e i parametri per tutti i componentisuperficie e colore, riflessi e rifrazioni, emissioni di lucedispersione della superficie, scostamenti e rugosità, sono facilmente modificabili.

Utilizzate più opzioni per il rendering distribuito. Progettato per la scalabilità lineare, i rendering possono essere distribuiti in maniera scalare tra le GPU anche prevedendo servizi remoti attraverso connessioni LAN o cluster basati su cloud. A seconda del caso.

Lavorare con le API. Potenti, flessibili e semplici. Il linguaggio "C ++" congiuntamente alle API (Application Programming Interface di Windows) fornisce un facile accesso alle librerie software e semplifica le attività di integrazione e di personalizzazione. Iray è facile da integrare con le potenti API e le procedure in C ++.
Lavorare con una vasta gamma di opzioni di illuminazione. Tutte le luci funzionano automaticamente con i nostri materiali a base di fisica per fornire un reale effetto mondo. Iray + è dotato di una vasta gamma di tipi e di opzioni di illuminazione; aggiungere i valori per le luci nel sistema e che potranno interagire correttamente con i materiali fisicamente basati per la produzione vera visualizzazione foto-realistica, non importa quale sia la vostra configurazione.

Utilizzare più effetti fotografici. Lavora nello stesso modo come si farebbe con una macchina fotografica; sfruttare al massimo lo stesso bene-sapere, facile da usare comandi, impostazioni e le funzioni. Iray + dispone di una gamma di funzioni fotografiche che possono essere applicate nello stesso modo in cui si farebbe lavorando con una macchina fotografica; è facile creare immagini fisse e animazioni, che non richiedano post-produzione, applicando i filtri a disposizione: profondità di campo, mappatura dei toni e motion blur.

WINDOWS API
Sono l'insieme delle interfacce di programmazione disponibili nei sistemi operativi Windows di Microsoft. Per utilizzare le Windows API, Microsoft fornisce gratuitamente la piattaforma SDK, ora evoluta nel più moderno Windows SDK, una raccolta di strumenti e documentazione da abbinare ad un compilatore di linguaggio C++.
Le API consentono di costruire programmi sull'infrastruttura a messaggi di Windows, sfruttando la potenza e la stabilità del C; infatti sfruttando le API si può programmare in ambiente Windows direttamente in C, stando a diretto contatto con il sistema operativo; le API non solo costituiscono qualsiasi applicazione in Windows, ma rappresentano la base di qualsiasi altra libreria che ne faciliti l'utilizzo.

C++E' un linguaggio di programmazione orientato agli oggetti. Sviluppato in origine come miglioramento del linguaggio C, negli aspetti di paradigma di programmazione a oggetti, funzioni virtuali, overloading degli operatori, ereditarietà multipla e gestione delle eccezioni.

giovedì 24 settembre 2015

5 ragioni del perchè sei già pronto a passare al BIM

Pensi ancora di avere delle buone scuse per non provare il Building Information Modelling (B.I.M.)? Mi è capitato di sentir dire: "E' troppo difficile.", "E' troppo costoso", "Non mi serve". Ma queste sono scuse, non ragioni. Infatti, sei pronto più di quanto pensi. Ecco cinque ragioni del perchè già lo sei.

1. Tu già pensi in BIM.
Forse non lo sai, ma stai già utilizzando il BIM - almeno la parte " Building Information ". Quando stai progettando un edificio, non pensi a linee 2D. Pensi ad oggetti reali - pareti, finestre, porte, pavimenti. Sai come si inseriscono insieme, come i loro rapporti dovrebbero essere, quali elementi supportano altri elementi. E sai una cosa? Anche il BIM lo fa. Poiché si basa su oggetti - BIM - tutto nel modello "sa" di cosa si tratta. Le pareti agiscono come pareti, le porte agiscono come porte. Non sono solo raccolte di linee. Questo significa che è possibile manipolarle in modi che riguardano il comportamento del mondo reale e che il flusso logicamente dal flusso di lavoro di progettazione.

2. il BIM migliora la coordinazione.
In ogni edificio di architettura industriale, ingegneria, costruzione, è necessario essere in grado di capire quello che sta succedendo in tre dimensioni. Se si sposta un muro in un piano, è necessario sapere che cosa fa ai vostri prospetti. Se si modifica la dimensione delle travi del pavimento, è necessario sapere come questo influenzi le vostre sezioni. BIM consente di gestire le sezioni e prospetti in tempo reale, in modo che riflettano immediatamente i cambiamenti effettuati in altre viste. Sì, potrebbe essere ancora per inseguire un cambiamento attraverso un paio di diversi punti di vista, ma sarete subito in grado di vedere i cambiamenti - e che vi farà risparmiare tempo lungo la strada. A titolo di esempio, un paio di settimane fa stavo aggiungendo pagliolo inquadratura al tetto di un centro commerciale. Ho finito il piano, poi controllato in 3D. Abbiamo scoperto che c'era un altro livello di acciaio immediatamente sopra la mia inquadratura (non visibile nel piano originario), ed è stato interferire con i pali gonfiabili. Il coordinamento 3D significa che abbiamo potuto risolvere il problema in fase di progettazione, se avessimo lavorato in 2D, potremmo non abbiamo trovato questo fino a quando siamo entrati in campo


3. il BIM si prende cura dei dettagli.
Oltre al coordinamento delle sezioni in tempo reale, il BIM aiuta anche con le attività di manutenzione per avere un disegno ordinato. Hai bisogno di cambiare un numero in particolare ? Nessun problema: basta cambiarlo sulla tavola di stampa e ogni riferimento viene aggiornato automaticamente. Lo stesso se è necessario modificare un numero tavola o aggiornare un elenco dei disegni . (Immaginate , gli indici patrimoniali non più di coordinamento ! ) E se avete bisogno di cambiare la scala di rappresentazione di un piano o di un particolare? Anche in questo caso, nessun problema! Basta sceglierla dalla lista, e tutti le vostre annotazioni (note, quote, retini ) si regolano automaticamente alle dimensioni corrette.

4. il BIM fa bene agli affari.
BIM non è più una nuova tecnologia. In realtà il software AUTODESK® Revit ha ormai più di dieci anni (e sono sicuro che non si riconoscono nemmeno più le prime versioni rispetto a quelle di oggi), altri software simili sono sul mercato addirittura da più tempo. Come la sua adozione sul mercato cresce, probabilmente, riceverai sempre più richieste di BIM dai tuoi clienti.
Immagina se la tua risposta potesse essere: " Oh, certo, io modello gia in 3D...da tempo!" Pensi di poter impressionare? E non si tratta solo di documentazione.
Avere il tuo edificio modellato in 3D offre una fonte immediata di visualizzazioni del prodotto finito. È possibile lavorare direttamente con i punti di vista, o utilizzare altri software o servizi, o creare grafici ed immagini di presentazione di qualità, direttamente dal tuo modello 3D.
L'edilizia è sempre più guidato dalla tecnologia e il BIM ti aiuterà a tenere il passo.

5. il BIM è un investimento.
Non commettere errori: la transizione verso un workflow BIM è un investimento, sia in termini di tempo che di denaro.
Sì, c'è una curva di apprendimento.
Sì, probabilmente trascorrerai più tempo sul modello rispetto a quanto eri abituato a fare prima.
Sì, costa di più rispetto al programma CAD 2D che stai utilizzando ora.
Ma quanto vale il tuo tempo?
Se dividessi il costo del software per il numero di ore che risparmierai nel corso di un anno, scopriresti che ciò che sembra inizialmente come un acquisto costoso, è in realtà un valore aggiunto. Soprattutto dopo l'acquisto iniziale, probabilmente ripagherai l'abbonamento del software solo con poche ore di tempo fatturabile all'anno. Questo richiede di pensare a lungo termine, perché si dovrà spendere tempo nell'apprendimento, prima di poter risparmiare sull'orario di lavoro, ma non dimenticare gli altri modi per risparmiare tempo.
Ogni problema di coordinamento che risolvi sarà uno problema che non si ripresenterà più avanti.

Tieni il passo con le ultime tecnologie, impressiona i tuoi clienti con i modelli e le immagini e con tutti i vantaggi di un flusso di lavoro 3D - alla fine il BIM sarà un investimento di valore.

Stai pensando di migrare al BIM, o hai già iniziato ad usarlo?

Rimani un passo avanti rispetto alla concorrenza. Frequenta uno dei corsi di AUTODESK® Revit Architecture presso lo IALFVG di Udine. 

Liberamente tratto dall'articolo: http://lineshapespace.com/5-reasons-why-youre-ready-for-bim/?linkId=16326050

lunedì 12 gennaio 2015

Autodesk Training Center BEARZI (UD) - Corso Revit Architecture per Architetti (crediti formativi attribuiti)

Il Centro di Formazione Professionale CNOS-FAP Bearzi, qualificato come A.T.C., ovvero come Autodesk Training Center, organizza in collaborazione con l'Ordine degli Architetti OAPPC della Provincia di Udine, un corso completo sull'utilizzo del software di progettazione BIM Revit Architecture.

Il percorso formativo è stato suddiviso in tre step da 16 ore ciascuno - 5 lezioni da 3 ore più 1 ora di esame da effettuare a chiusura di ogni step. La partenza del primo step è il 02 febbraio 2015. L
'orario e la suddivisione in 3 tranches sono studiati per non interferire con le vostre attività professionali. Il corso, che ha già numerosi iscritti, è adatto a tutti, sia ai neofiti che a chi servisse un ripasso per fissare alcuni concetti di Revit Architecture.


- lunedì 02 febbraio - 18.30/21.30
- mercoledì 04 febbraio - 18.30/21.30
- lunedì 09 febbraio - 18.30/21.30
- mercoledì 11 febbraio - 18.30/21.30
- lunedì 16 febbraio - 18.30/21.30 e 20.30/21.30 per l'esame finale.

LINK ISCRIZIONE


Professionista Certificato AUTODESK per Revit Architecture - lic. 00389004 - 2015.

A.T.C. (Autodesk Training Center) rappresenta una garanzia di qualità formativa. Autodesk impone severi requisiti in termini di offerta servizi, infrastrutture ed attrezzature didattiche, organizzazione flessibile dei corsi e soprattutto elevata qualità nell’assistenza, nella consulenza e nella formazione da parte dei docenti. Come vostro istruttore sono certificato da AUTODESK come Professional User per Revit Architecture - certificazione 2015 - oltre che per AutoCAD - certificazione 2013.
AUTODESK Revit Architecture è un software BIM che non necessita di presentazioni. Leader nel mondo per diffusione è, in pochi anni, diventato un punto di riferimento del Building Modelling Information. Permette attraverso la costruzione per oggetti e l'attribuzione ad essa di parametri ed informazioni, la gestione dell'intero progetto tramite un modulo tridimensionale che lo rappresenta in tutte le sue componenti. Vi consente di focalizzare l'attenzione nella progettazione piuttosto che nell'estrazione di dati grafici e numerici (piante, sezioni, prospetti, spaccati tridimensionali, abachi di qualsiasi genere, tavola comparativa dei "gialli e rossi", computi metrici estimativi, calcolo preliminare del fabbisogno energetico) e delle fasi lavorative, rilievo, stato di fatto, progetto, varianti ecc.ecc. Dati e tavole grafiche delle quali, una volta impostate,  si occuperà il software automaticamente, senza il vostro intervento, mentre voi vi occupate di progettare e "modellare" l'edificio secondo le vostre esigenze.
.ferruccio della schiava · render Udine - www.dellaschiava.com